Brand italiani

McDonald’s e Mondadori Media aderiscono all’accordo di Pietrarsa del Garante per la Privacy

Un progetto volto a promuovere il corretto utilizzo dei dati digitali tra i più giovani, a cura di Focus Junior, il brand punto di riferimento per bambini e ragazzi

Si è tenuto oggi, presso il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, l’evento State of Privacy ’22, che, patrocinato dalla Regione Campania e dal Comune di Napoli, si impegna a promuovere un corretto uso dei dati digitali tra gli utenti. 

È all’interno di questa importante cornice che McDonald’s e Mondadori Media hanno aderito alla proposta del Garante per la Privacy, firmando un accordo con cui si impegnano a promuovere il corretto utilizzo dei dati digitali tra i più giovani: l’obiettivo è mettere in campo gli strumenti necessari per educare i bambini e i ragazzi al valore dei loro dati personali, affinché diventino cittadini, utenti e consumatori attivi e consapevoli.

Attraverso Focus Junior, il brand punto di riferimento per bambini e ragazzi che da sempre accompagna i lettori alla scoperta del mondo che li circonda grazie a un approccio edutainment, verranno chiariti concetti e terminologie in modo semplice e divertente, stuzzicando la curiosità con le domande giuste e con ironia. Focus Junior svilupperà articoli sul magazine, video, post, meme e pillole sul sito e sui social con il supporto di esperti in materia. 

Gli stessi contenuti verranno amplificati nei ristoranti McDonald’s grazie ad un booklet, a cura di Focus Junior, ricco di vignette, infografiche e illustrazioni, che verrà distribuito in occasione degli eventi dedicati ai più piccoli. Grazie alla sua capillarità su tutto il territorio nazionale, McDonald’s rappresenta un efficace amplificatore di valori, specie per i più giovani, che da sempre sono tra i suoi pubblici più vicini e affezionati. 

Siamo felici di aver accolto l’invito del Garante per la Privacy e di aver sottoscritto questo importante impegno, volto alla tutela dei più piccoli” – commenta Luisa Adami, General Counsel and Franchising Director McDonald’s Italia. “Quello del trattamento dei dati personali, è un tema a cui riserviamo grande attenzione: tutelare i nostri utenti è una priorità. Siamo orgogliosi di impegnarci in un progetto di sensibilizzazione verso bambini e ragazzi, iniziativa a cui mi sento vicina non solo nella mia veste di General Counsel, ma anche da madre di due figlie che rientrano proprio nel target dei destinatari.

“Educare bambini e ragazzi alla protezione dei dati personali è un obiettivo di primaria importanza per tutta la società e nel quale, come editore che ogni giorno parla alle giovani generazioni, vogliamo essere parte attiva”, spiega Andrea Santagata, direttore generale di Mondadori Media. “Per questo motivo abbiamo accolto con grande entusiasmo l’appello del Garante per la Privacy a promuovere azioni concrete in questo ambito: lo facciamo con un progetto a cura del nostro brand Focus Junior, con cui rispondiamo agli interrogativi dei più giovani e delle loro famiglie per renderli consapevoli e responsabili attraverso la conoscenza.”

 

McDonald’s Italia
In Italia da 35 anni, McDonald’s conta oggi 640 ristoranti in tutto il Paese per un totale di 27.000 dipendenti che servono ogni giorno 1 milione di clienti. I ristoranti McDonald’s italiani sono gestiti per il 90% secondo la formula del franchising grazie a 140 imprenditori locali che testimoniano il radicamento del marchio al territorio. Anche nella scelta dei fornitori McDonald’s conferma la volontà di essere un marchio “locale”, con l’85% di fornitori che è rappresentato da aziende italiane o aziende che producono in Italia. Nel mondo McDonald’s è presente in oltre 100 Paesi con più di 38.000 ristoranti.

Mondadori Media
Mondadori Media è il primo editore multimediale italiano, con un posizionamento e un’audience distintivi nel mercato editoriale. La social multimedia company del Gruppo Mondadori attraverso i propri brand parla alle passioni degli italiani – dal mondo del food all’entertainment, dalla scienza alla moda all’edutainment e molto altro – raggiungendo oltre 25 milioni di utenti unici al mese (fonte: Audiweb gen-giu 2022), una fanbase complessiva di 70 milioni di persone (fonte: Shareablee + social insight agosto 2022) e quasi 9 milioni di lettori (fonte: Audipress 2022/I). 

Icon lancia il numero speciale “Back to the roots”

Il brand conferma la propria formula di successo: nel nuovo numero una raccolta pubblicitaria di circa 100 pagine

Icon si conferma un punto di riferimento nel segmento dei maschili di moda e lifestyle grazie a un’offerta di contenuti crossmediali che va dal magazine al sito, dai social agli eventi: uno storytelling continuo con approfondimenti ricercati sulle passioni dell’uomo contemporaneo e uno sguardo sempre attento ai nuovi stili e tendenze – dalla moda al beauty, dai viaggi al mondo dei motori al beverage – che si arricchisce con la nuova special issue “Back to the roots”, in edicola con una raccolta pubblicitaria di circa 100 pagine.

Al centro del nuovo numero del magazine, diretto da Andrea Tenerani, il tema del ritorno alle radici e alle origini, con interviste e contenuti esclusivi per raccontare come sono cambiati i valori, le idee e le mode, adattandosi ai mutamenti della società.

“Un numero che celebra il ritorno alle origini, alla bellezza, classica ma al tempo stesso rivoluzionaria, come ci appare oggi quella di Caravaggio, grazie a quell’uso della luce mai visto prima, alla sua capacità di estrarre dal buio l’essenza delle cose, dell’animo umano, per svelare verità che erano lì sotto gli occhi di tutti”, ha dichiarato Andrea Tenerani, direttore di Icon.

La collaborazione con Ginori 1735
In “Back to the roots” spazio anche al racconto della nuova collaborazione di Icon con Ginori 1735. Tra le pagine del magazine i lettori troveranno un servizio dedicato a Luke Edward Hall, giovanissimo e talentuoso designer dallo stile dandy, che firma la nuova home fragrance collection Profumi Luchino. La collezione sarà presentata da Ginori 1735 con Icon in un evento privato che si terrà il 20 settembre presso la boutique di Ginori 1735 nel cuore di Milano.

I protagonisti e le storie del numero
Quattro i volti scelti dal brand di moda e lifestyle del Gruppo Mondadori per le cover story di questo numero, in edicola da domani, i cui contenuti saranno amplificati sul sito Icon.it e sui canali social del brand.

L’attore Aaron Taylor-Johnson, star del film Bullet Train in cui recita con Brad Pitt. A 32 anni, Aaron ha già 26 anni di carriera alle spalle e all’età in cui tutti voglio accelerare, lui preferisce rallentare: uno, massimo due film all’anno, e poi via, in campagna, a coltivare i campi, cucinare, costruire altalene e stare alla larga dai social. «Mi immergo anima e corpo nel mio lavoro quando sono sul set e dimentico tutto. Poi, non appena le riprese sono finite, torno alle mie origini e tutte queste attività, dalla cucina al giardinaggio fino alle costruzioni, sono terapeutiche», confida nella conversazione esclusiva con Icon.

E poi Alejandro Speitzer, protagonista della serie thriller Netflix Oscuro Desiderio, seguita da oltre 100 milioni di spettatori in 77 paesi, grazie alla quale ha guadagnato il titolo di sex symbol della nuova generazione Latinx. L’attore, ritratto dal fotografo statunitense Bruce Weber, con cui prosegue la collaborazione del magazine, racconta ad Icon: «Lavoro duro, non scordo mai le mie origini e, soprattutto, quanto ho faticato per arrivare fin qui. Ho ben chiaro che il tempo non torna mai indietro e quindi se devo fare qualcosa, devo farla bene, in armonia, dando il meglio di me stesso senza pormi dei limiti».

Volti delle cover di Icon anche l’attore siciliano Francesco Scianna, oggi impegnato sul set della seconda stagione di A casa tutti bene di Gabriele Muccino, e la star francese Rìles, autore, compositore, interprete e produttore di brani rap. Rìles è, inoltre, tra i protagonisti di un servizio moda – da sempre al centro del racconto di Icon – che ritrae le ultime scoperte del super agente francese Saif Mahdhi.

Tante le storie presentate nella sezione Destination Future, attraverso cui il magazine esplora il tema del Back to the roots da diversi punti di vista. Si parte da una conversazione con il grande regista Rob Reiner, che Icon ha incontrato a Cannes, per parlare del suo progetto di girare il sequel del suo film culto del 1984, This is Spinal Tap. E poi la storia di chi è letteralmente tornato alle radici come l’agricoltore influencer Matteo Fiocco, 33 anni, diventato una star della rete grazie al suo canale Youtube che ha radunato una community entusiasta di nuovi agricoltori digitali.

Ad arricchire il numero nella sezione Voices l’intervista esclusiva a Roberto Baldoni, direttore dell’Agenzia per la cybersicurezza nazionale (Acn), istituita nel 2021 dal Consiglio dei Ministri per difendere il nostro Paese da tutte le forme che può prendere la minaccia informatica.

La nuova rubrica orologi
Novità di questa special issue di Icon l’ampliamento della rubrica dedicata agli orologi, a cura del watch editor Paolo De Vecchi, nuova firma del magazine, con cui si rafforza la vicinanza del brand ai settori chiave del lusso. In questo numero, a fare da fil rouge tra le pagine della sezione è il tema della velocità e delle prestazioni, con la presentazione dei modelli che accompagnano in pista squadre e piloti.
Il prossimo appuntamento di Icon con i suoi lettori sarà il 18 novembre con uno speciale interamente dedicato a questo mondo.

#CasaChi GF Vip: al via la nuova stagione del format social ideato da Chi

Tre appuntamenti settimanali con contenuti esclusivi, retroscena e ospiti speciali
con la nuova conduttrice Sophie Codegoni

Prende il via domani la nuova stagione di Casa Chi: il format social di Chi dedicato al GF Vip, il reality più seguito d’Italia, condotto da Alfonso Signorini. 

In attesa dell’inizio del programma in onda da lunedì su Canale 5, sarà proprio il padrone di casa e direttore di Chi ad introdurre i due appuntamenti speciali di Casa Chi online sabato e domenica dalle ore 19. La conduzione della terza edizione di Casa Chi è affidata a Sophie Codegoni – al suo debutto da presentatrice – insieme ai giornalisti della redazione Azzurra Della Penna e Valerio Palmieri. Ospiti delle prime due puntate, i conduttori di GF Vip Party Soleil Sorge e Pierpaolo Pretelli; Andrea Palazzo, capo progetto del GF Vip fin dalle prime edizioni; Gianmaria Antinolfi e Federica Calemme, una delle coppie più amate della scorsa edizione del Grande Fratello Vip. 

«Casa Chi è un sogno che si realizza perché volevo fare la gavetta come conduttrice, opinionista, incontrare grandi personaggi. La parlantina non mi manca, non sono timida e non vedo l’ora di partire. Spero di fare bene, di sicuro mi esporrò, dirò quello che penso. Essendo curiosa farò molte domande. Ma domande tremende, preparatevi», ha commentato Sophie Codegoni.

Il format curato da Massimo Borgnis, vice direttore di Chi, proseguirà ogni martedì, mercoledì dalle ore 19 e venerdì dalle ore 18 sui profili Instagram e Facebook di Chi e su Mediaset Infinity, per trasportare lettori e utenti nel vivo del dibattito tra curiosità, anticipazioni e retroscena, in compagnia di vip, social influencer e i concorrenti appena usciti dal reality. Una formula di successo che ha reso Casa Chi un appuntamento imperdibile per i fan, e che lo scorso anno ha totalizzato 15 milioni di video views su Instagram. 

Tra le novità del palinsesto di quest’anno, i due appuntamenti del venerdì: Casa Chi Vox Populi, con gli inviati Gilberto Savini e Aristide Malnati in giro per le piazze Italiane per intervistare e raccogliere i pareri a caldo dal pubblico e la diretta Instagram di Casa Chi, per commentare insieme ai giornalisti di Chi la puntata del giovedì sera del GF Vip. 

Sui profili Instagram e Facebook – dove oggi Chi raggiunge una fanbase complessiva di quasi 1 milione di follower – non mancheranno inoltre tanti contenuti extra come sondaggi, quiz, stories, dietro le quinte e video pillole con interviste ai concorrenti del GF Vip.

Sponsor di questa nuova edizione, Givova: il brand campano che in pochi anni è diventato un punto di riferimento nel mondo dello sport, sarà da subito protagonista della nuova stagione di Casa Chi, grazie alla realizzazione delle due puntate teaser girate presso la loro sede.

Chi si conferma un brand sempre più attrattivo sui social anche da un punto di vista commerciale grazie allo sviluppo di nuovi format progettuali che prevedono l’attivazione di uno o più talent. Ne sono un esempio i beauty tutorial realizzati da Mediamond in collaborazione con Layla e le video ricette firmate Orogel on line proprio in questi giorni.

Prometeo: il ruolo della cultura oggi, obiettivi e prospettive

Un evento e un inserto speciale sullo stato della cultura nel nostro Paese nel nuovo numero della rivista di scienze e storia, giunta al suo 40° anniversario

Prometeo, rivista trimestrale di scienze e storia, ha organizzato oggi all’ADI Design Museum un incontro sullo stato della cultura, con l’obiettivo di avviare una riflessione sull’importanza, sulle prospettive future e sulle possibilità di rilancio di uno dei settori più importanti per il Paese.

Una tematica al centro dell’inserto speciale “Kultur, idee per il rilancio” pubblicato nel nuovo numero del magazine, dal quale emergono quali siano le risorse sulle quali questo settore di vitale importanza per il nostro Paese dovrebbe poter contare e con quali barriere si deve misurare.

Ospiti d’eccezione dell’appuntamento tre protagonisti della vita culturale italiana, Armando Massarenti, Severino Salvemini e Valdo Spini, autori dell’inserto speciale di Prometeo.

Insieme a loro, Andrea Cancellato, direttore dell’ADI Design Museum e Presidente di Federculture, Sabina Pavone, membro della Direzione Scientifica di Prometeo, e Gabriella Piroli, alla direzione della rivista, per una riflessione sul settore in tutte le sue angolature.

I 40 anni di Prometeo
Con questa iniziativa, Prometeo, che celebra i suoi primi 40 anni, consolida il proprio ruolo di punto di riferimento per un pubblico di studiosi, studenti universitari, ricercatori e docenti, e appassionati grazie da una ricca e autorevole produzione di contenuti eclettici, originali e poliedrici di scienze, storia.

 Nato nel 1983, la rivista trimestrale del Gruppo Mondadori ha avviato un percorso di rinnovamento che ne sottolinea ancora più il valore: con una nuova formula che unisce alla qualità editoriale – che da sempre contraddistingue la rivista – la sperimentazione di nuovi linguaggi e canali, Prometeo offre ai lettori un approfondimento sulle tematiche contemporanee, con le idee, le teorie e gli spunti originali di alcuni tra i migliori studiosi della nostra epoca.

Il nuovo numero di Prometeo
L’incontro – che ha avuto luogo alla presenza, tra gli altri, di Stefano Bruno Galli, Assessore all’Autonomia e Cultura di Regione Lombardia – è stato anche l’occasione per approfondire tematiche di storia e scienza attraverso contributi di alta divulgazione presenti sul nuovo numero di Prometeo.
Tra questi, la ricostruzione critica degli storici Eros Francescangeli, Giulia Albanese e Mimmo Franzinelli della marcia su Roma, di cui il 28 ottobre 2022 ricorre il centenario.
Nel nuovo numero, in edicola e in librerie selezionate da oggi, un servizio dedicato alle immagini del telescopio spaziale James Webb commentate dall’astrofisica italiana Patrizia Caraveo.
E poi una novità all’interno di “Librixime”, la sezione dedicata alla saggistica e ai suoi lettori: nasce la rubrica Letture scomposte, a cura di Mariagrazia Pelaia, che da quasi vent’anni è membro del Comitato Editoriale di Prometeo.

Back to school: il 92% degli studenti è favorevole al rientro in classe senza mascherina

Secondo un’indagine di Studenti.it, il cambiamento climatico spaventa più della pandemia

Per le studentesse e gli studenti italiani è ormai tempo di rientro in classe. Un back to school con nuove regole, ma finalmente senza mascherina. Una novità accolta favorevolmente dalla quasi totalità delle ragazze e dei ragazzi (92%) intervistati da Studenti.it che per la prima volta dopo due anni si lasciano alle spalle la didattica a distanza e i dispositivi di protezione.

COSA TEMONO DI PIÙ GLI STUDENTI? IL CAMBIAMENTO CLIMATICO 

La pandemia, infatti, non rappresenta più la preoccupazione principale. Tra le paure maggiori c’è invece il cambiamento climatico (26%). A seguire, il non riuscire a raggiungere i propri obiettivi nella vita (22%), la crisi economica e dell’energia (16%), lo scoppio di una guerra che coinvolga l’Italia (14%) e, infine, l’instabilità politica (12%). Solo all’ultimo posto (10%) il timore di incorrere in un’altra pandemia.

LA SCUOLA IDEALE? QUELLA IN CUI FARE DIBATTITI, EDUCAZIONE SESSUALE E ORIENTAMENTO 

Studenti.it ha inoltre chiesto alle ragazze e ai ragazzi di delineare un ritratto della loro scuola ideale. Dall’indagine emerge che gli utenti vorrebbero poter partecipare a dibattiti su temi di attualità (21%) e poter frequentare lezioni di educazione sessuale (19%). Tra gli interessi maggiori, anche la possibilità di valutare i propri docenti durante il percorso didattico (15%) e attività di orientamento post diploma (13%).

I PROGETTI PER IL FUTURO: STUDIARE E FARE UN’ESPERIENZA ALL’ESTERO 

Lo studio resta una priorità per il futuro per la maggior parte degli intervistati, che puntano sulla formazione post diploma: il 50% dei partecipanti all’indagine vorrebbe, dopo il diploma, frequentare una facoltà universitaria in presenza, mentre il 26% guarda complessivamente con favore all’estero per proseguire gli studi o lavorare. Il 15% punta a trovare subito un impiego, mentre l’11% vorrebbe poter iniziare subito uno stage. 

 

Studenti.it è il brand del Gruppo Mondadori leader in Italia sul digitale nella categoria education, con 5 milioni di utenti (fonte Audiweb, giugno 2022). Punto di riferimento per le studentesse e gli studenti  italiani per tutto l’anno scolastico,  in occasione del ritorno sui banchi propone news, aggiornamenti didattici, kit per affrontare i test di ammissione alle università oltre che supporti all’orientamento con uno speciale (https://www.studenti.it/its-academy-italia.html) dedicato agli istituti di formazione superiore post diploma e alla ricerca di primo impiego. Studenti.it vanta oltre 1, 2 milione di follower sui social (Fonte Shareablee e social insights, agosto  2022), dove è presente con un profilo su  TikTok – con oltre 560 mila utenti – Facebook, Telegram, Instagram e sul canale Youtube (Studenti TV).

Grazia presenta il numero speciale “Che meraviglia il cinema!”

Stefano Accorsi è il direttore ospite di questa edizione straordinaria del magazine

In occasione della Mostra del Cinema di Venezia, Grazia, il magazine diretto da Silvia Grilli, arriva in edicola e su app con un numero speciale che vede l’attore Stefano Accorsi in qualità di direttore ospite. Un’edizione straordinaria che celebra la magia del cinema e i suoi dietro le quinte, le star e tutti i protagonisti e professionisti di un settore in grande trasformazione, estremamente importante per l’industria culturale.

“Due anni e mezzo dopo l’inizio della pandemia, in Italia purtroppo le sale stanno penando per la scarsità di pubblico, tuttavia il cinema è vivacissimo grazie alle piattaforme e ha amplificato la sua dimensione più bella: quella del sogno. Insieme con Stefano Accorsi, vi invito a leggere questo numero e attraversare l’imprevedibilità di un mondo dove la magia può arrivare all’ultimo ciak, come l’arcobaleno del servizio fotografico di copertina che abbiamo scattato con lui, in Sicilia, per voi”, ha dichiarato la direttrice Silvia Grilli nell’editoriale.

“Con Silvia abbiamo cercato di raccontare il dietro le quinte del cinema di oggi e di come si stia evolvendo nel futuro, trattando con attenzione la sostenibilità ambientale o il giusto spazio ai meriti e talenti delle donne. Credo che nel confronto tra persone, generi e provenienze possano esserci stimoli continui. Se noi proseguissimo in un’azione continuativa e non d’emergenza, riusciremmo nel giro di alcuni anni, con il sostegno delle varie categorie, a rendere di nuovo le sale attrattive per il pubblico. Un conto è vedere un film in televisione, un altro è vederlo tutti insieme in una sala cinematografica: ridere o piangere insieme, condividere le emozioni. Dopo due anni di pandemia, abbiamo bisogno di ricominciare a condividere. E la sala cinematografica, i teatri e i concerti possono tornare a darci momenti di grande emozione collettiva”, ha sottolineato Stefano Accorsi nell’editoriale del numero speciale di Grazia.

Tra le pagine del numero un’intervista esclusiva a Stefano Accorsi realizzata dalla direttrice Silvia Grilli, in cui l’attore racconta le passioni della sua imprevedibile vita, simile ad un film in cui tutto può accadere, dai primi provini con un grande regista ai mesi sul Mississippi a girare il suo primo film, lo scambio di amore e conoscenza con le donne che ha amato, il matrimonio con la moglie Bianca e la loro famiglia allargata.

A proposito della Mostra del Cinema di Venezia, Accorsi confida a Grazia quali sono le emozioni che custodisce di più :«Ricorderò sempre la prima volta. Avevo 20 anni, sono arrivato in treno, ho preso da solo il traghetto e sono stato travolto dal tramonto sulla laguna: una sensazione di principio d’autunno. Questo arrivo magico, le sale piene, le continue interviste, le frasi memorabili che Pupi Avati pronunciava.”

A Grazia Accorsi ricorda anche i suoi anni francesi: “Sono stati anni formativi. Avevo avuto successo nel mio Paese e lì ho dovuto ricominciare a fare i provini”. E nel corso dell’intervista aggiunge: “Quando hai interpretato film che hanno funzionato tanto e per un po’ quelle cose non arrivano, quando fai un mestiere come quello dell’attore che vive nel desiderio dello sguardo altrui, è normale che ti prenda l’angoscia. Mi sono detto: “Basta aspettare, bisogna cominciare a muoversi”. Non è automatico che muoversi ti porti a risultati, però da allora non mi sono più fermato”.

La meraviglia del cinema viene raccontata anche da grandi personalità del settore, a partire da Alberto Barbera, intervistato da Stefano Accorsi: il direttore della Mostra del Cinema di Venezia racconta al direttore ospite di questo numero straordinario di Grazia la passione travolgente che lo lega al grande schermo.

Il numero Che meraviglia il cinema! è arricchito dalle voci di grandi registi, quali Cristina Comencini, Daniele Luchetti, Matteo Rovere ed Elisa Amoruso, e da interviste con attrici del calibro di Micaela Ramazzotti, Vittoria Puccini, nonché con il ministro dei Beni Culturali e Ambientali Dario Franceschini.

Sfogliando le pagine di questa edizione speciale, i lettori troveranno anche un esclusivo sondaggio realizzato dall’istituto Human Highway per Grazia che rivela che 7 italiani su 10 vanno al cinema molto meno di prima, ma tornerebbero nelle sale se il grande schermo offrisse effetti speciali coinvolgenti e se ci fosse la possibilità di incontrare e ascoltare gli attori protagonisti.

Non manca inoltre la testimonianza di alcune delle donne più importanti del settore, tra cui Nicole Morganti, alla guida delle produzioni italiane di Prime Video. Morganti spiega a Grazia perché sul piccolo e sul grande schermo abbiamo bisogno di qualità e di storie in cui rispecchiarsi, soprattutto se a scriverle e girarle ci saranno più ragazze. E ancora Sonia Rovai, Responsabile delle serie e dei film originali di Sky, che racconta al magazine cosa piace oggi alle nuove generazioni di spettatori.

E poi il racconto dei fotografi, degli sceneggiatori e dei professionisti grazie ai quali si arriva al ciak perfetto: dai costumisti ai make up artist, esperti capaci di trasformare un attore nel suo personaggio, ai coach che preparano i protagonisti a interpretare i ruoli più difficili e a tutti gli operatori del set.

Un omaggio a Venezia

Venezia, la città affascinante e magica che ospita la Mostra del Cinema, in questo numero speciale viene raccontata anche attraverso un album con gli scatti più emozionanti dei fotografi Graziano Arici, Jacopo Salvi e Daniele Venturelli: i tre grandi professionisti dell’immagine, che da sempre immortalano i protagonisti del tappeto rosso, spiegano a Grazia le acrobazie per cogliere la magia e le manie degli attori che ogni anno sfilano sul tappeto rosso del Lido.

Un omaggio alla laguna arriva dal direttore della Cineteca di Bologna e Presidente della Festa del Cinema di Roma, Gian Luca Farinelli che ripercorre insieme a Grazia come questa città sia stata spesso la protagonista di tante pellicole indimenticabili che hanno fatto la storia del cinema, dai film di Luchino Visconti a Woody Allen a 007.

Il magazine celebra Venezia anche attraverso la moda e la bellezza, con un servizio realizzato all’alba tra i canali e una rassegna dei look beauty di tendenza.

Grazia Gazette

Ad un anno dal suo lancio prosegue il progetto Grazia Gazette, Edizione Venezia (www.grazia.it/gazette): aggiornamenti in diretta dal Festival del Cinema, interviste, eventi, approfondimenti sui tanti film e i look più esclusivi dai red carpet per esplorare le tendenze moda e beauty della prossima stagione. Contenuti esclusivi e curiosità consultabili anche sul profilo Instagram di Grazia (@grazia_it), dove il 3 settembre la direttrice Silvia Grilli incontrerà Stefano Accorsi in una diretta.

Due sono i partner dell’iniziativa: Moet&Chandon e Lexus che conferma la sua presenza alla Mostra del Cinema di Venezia con Grazia per il terzo anno consecutivo.

Gli italiani e il cinema: i risultati dell’indagine esclusiva di Grazia

Dopo la pandemia 7 italiani su 10 vanno al cinema molto meno di prima, ma tornerebbero nelle sale se il grande schermo offrisse effetti speciali coinvolgenti e se ci fosse la possibilità di incontrare e ascoltare gli attori protagonisti

Le donne under 35 sono le più propense al ritorno nelle sale

Che rapporto hanno gli italiani con il cinema? Come sarà l’affluenza nelle sale nella nuova stagione? Il magazine Grazia lo svela attraverso i risultati di un’indagine esclusiva che sarà pubblicata sul numero speciale dedicato al cinema in edicola e su app dal primo settembre in occasione della Mostra del Cinema di Venezia.

Un sondaggio che il magazine diretto da Silvia Grilli, punto di riferimento nella moda e portavoce di temi legati all’attualità, ha condotto per scoprire quali sono i desideri degli italiani per tornare a vedere un film sul grande schermo, dopo gli ultimi due anni segnati dal lockdown e dalle restrizioni.

“La pandemia ha cambiato il nostro stile di vita, ma non ha cambiato il nostro amore per il cinema che, visto sull’iPad o nelle sale, resta comunque lo spazio dei nostri sogni”, ha dichiarato la direttrice Silvia Grilli.

Dalla ricerca realizzata in collaborazione con l’istituto Human Highway su un campione di oltre 1.000 persone online, emerge subito una conferma: 7 italiani su 10 frequentano le sale cinematografiche molto meno di prima.

Ma, dopo i recenti, profondi cambiamenti nello stile di vita, qualcosa si sta muovendo, anche negli umori del pubblico al rientro dalle vacanze estive, a pochi giorni dalla spinta mediatica della prossima Mostra del Cinema di Venezia.

Una persona su tre, soprattutto giovani e donne, dichiara infatti a Grazia che tornerebbe ad amare e frequentare il grande schermo.

Che cosa potrebbe far cambiare idea?

A spingere il 49,3% degli intervistati al ritorno in sala l’emozione degli effetti sonori e visivi speciali che permettono di vivere un’esperienza unica, diversa dal semplice film che si può vedere a casa.
Segue poi, per il 43,8%, la possibilità che il cinema diventi un luogo, e un pretesto, per vedere più spesso gli amici e, per il 41,5%, il desiderio di incontrare e ascoltare gli attori protagonisti prima o dopo la proiezione. Anche se per il 39,2% un ostacolo resta la pigrizia, cresciuta con la pandemia, che fa restare a casa la sera, complice anche la grande offerta televisiva.

I giovani e il cinema
Condizioni per un ritorno in sala evidenti soprattutto tra le ragazze e ragazzi dai 18 ai 24 anni che, in controtendenza, dopo gli ultimi due anni, nel 47% dei casi hanno aumentato la frequentazione delle sale cinematografiche.
Oggi anche gli under 34 hanno voglia di vivere il cinema con un coinvolgimento diverso e tornerebbero ancora più volentieri in sala per vedere un film dagli effetti sonori e visivi d’effetto, magari legato ad un evento o a un festival.

Cartina di tornasole di questi desideri anche i titoli che recentemente hanno conquistato il box office: da “Top Gun: Maverick”, con la sua storia adrenalinica, a “Thor: Love and Thunder”, nuovo capitolo della saga Marvel, a base di avventura e sentimenti, humor ed effetti speciali, oltre ai volti più amati dai giovani.

Inoltre, secondo il sondaggio di Grazia, le giovani donne under 35 residenti nei centri urbani e con un grado di istruzione elevato saranno le più propense a farsi convincere da nuove formule di fruizione, intensificando la frequenza in sala. 

Morale: un film si può vedere anche a casa, l’esperienza si può invece vivere e condividere solo nelle sale cinematografiche.

 

 

Icon presenta il nuovo numero di Icon Wheels “80 Wheels in motion”

Uno speciale per raccontare i protagonisti del mondo delle due e delle quattro ruote e la mobilità del futuro

Protagonista di copertina il campione di MotoGP Francesco Bagnaia

Icon, il brand maschile di moda e lifestyle del Gruppo Mondadori, presenta il nuovo numero di Icon Wheels, lo spin off del brand dedicato al mondo dei motori e alla mobilità del futuro.

Un numero speciale di oltre 200 pagine, intitolato “80 wheels in motion”, che darà voce ai protagonisti delle due e delle quattro ruote con la presentazione delle ultime novità e tendenze di oltre 14 nuovi modelli di auto.

Il magazine diretto da Andrea Tenerani, grazie ad interviste esclusive, approfondimenti e rubriche, sviluppa un racconto sempre più ricercato sulle passioni dell’uomo contemporaneo, confermando il proprio rapporto privilegiato con tutti i principali settori merceologici.

«Con questo numero di Icon rafforziamo e consolidiamo il percorso di successo che abbiamo intrapreso per raccontare le passioni maschili. Abbiamo voluto dedicare questo speciale alla mobilità in tutte le sue forme e soprattutto alle auto, raccontate come piace a noi, con il nostro sguardo sempre attento allo stile”, ha dichiarato Andrea Tenerani, direttore di Icon. “80 sono le ruote che ho testato e che i lettori di Icon troveranno in questo numero. Penso sia importante dare loro la giusta attenzione, perché le auto fanno parte della nostra vita e non sono solo oggetti, sono anche moda, cultura, storia, design, lusso, bellezza», conclude Tenerani.

Due le copertine di Icon Wheels, in edicola da domani, per celebrare il mondo dei motori.  Protagonista della prima cover il giovane fuoriclasse della MotoGP, Francesco Bagnaia. Torinese d’origine, il vicecampione della scorsa stagione è cresciuto nella Academy di Valentino Rossi, di cui fa ancora parte. E a proposito di Valentino, diventato il suo mentore e maestro, nell’intervista esclusiva Bagnaia confida: «Mi ha colpito molto per la forza mentale, la determinazione, la conoscenza di qualsiasi cosa e la pazienza nelle spiegazioni».

La seconda copertina è dedicata a un’autovettura 100% elettrica per raccontare i nuovi motori per un futuro che è già tra noi.  Il tema è centrale anche nella sezione Destination Future dove, con firme come Stefano Bartezzaghi ed Ester Viola, si parlerà di mobilità, in tutte le sue forme: da quella elettrica a quella su due ruote, ma anche su “due gambe”. Da non perdere il servizio dedicato alla celebre Graziella, la prima leggendaria bici pieghevole, nata nel 1964, che torna in versione elettrica. Nella sezione Voices l’intervista a Fabio Orecchini, direttore del CARe, Centro di ricerca sull’auto e la sua evoluzione dell’Università Guglielmo Marconi di Roma, svela le verità e i luoghi comuni sull’auto elettrica. 

Tra le pagine di Icon Wheels i lettori potranno scoprire anche come funziona “Street View”, la funzionalità di Google che da 15 anni, mappa il mondo con ogni mezzo, dalle auto ai cammelli. 

Ad arricchire i contenuti di “80 wheels in motion” la moda, da sempre al centro del racconto di Icon, e la sezione Watches con un’intervista esclusiva all’attore Patrick Dempsey che parla della sua passione per auto e orologi. 

I contenuti del nuovo numero di Icon Wheels saranno approfonditi e amplificati sul sito di Icon nella sezione dedicata Icon Wheels e sui canali social del brand, con esclusivi approfondimenti sulle ultime novità e tendenze nel mondo dei motori e non solo.

Giallozafferano: numeri da record sui profili social internazionali

25 milioni di follower per gli account in lingua inglese
Oltre 2 miliardi di video views negli ultimi 90 giorni

Premiato il canale Youtube in lingua inglese con il “Creator Award d’oro”

Giallozafferano, il food media brand leader in Italia, diventa sempre più internazionale. A poco più di un anno dallo sbarco all’estero conquista numeri da record con 25 milioni di follower per le sue versioni in lingua inglese e una crescita dei profili social internazionali di oltre 1,2 milioni di nuovi fan al mese.
Questi risultati, sommati ai 20 milioni di persone che seguono la versione italiana, hanno consentito a Giallozafferano di diventare il quarto brand di cucina più seguito al mondo sui social.

Un successo eccezionale frutto di un posizionamento competitivo e di un percorso di continua espansione, che ha permesso a Giallozafferano di raggiungere una fanbase totale di 45 milioni di persone, diventando una meta imperdibile per un pubblico globale di foodlovers che vogliono conoscere e sperimentare i piatti e gli ingredienti della cucina italiana.

Agli straordinari risultati del brand del Gruppo Mondadori all’estero contribuiscono in particolare gli account di TikTok: @giallozafferano_en e suprattutto @gzfoodqood, profilo che può contare su oltre 17 milioni di follower, posizionandosi come il terzo account di cucina più seguito nel mondo su TikTok.

A questo si aggiunge il grande successo del profilo @GialloZafferanoLovesItaly su Facebook, che conta oltre 4,4 di fan e la grande crescita su Youtube, dove la versione in lingua inglese ha superato il traguardo di 1 milione di iscritti, aggiudicandosi l’ambito riconoscimento del “Creator Award d’oro”.

Grandi risultati ai quali si aggiunge ancora un altro record: negli ultimi 90 giorni sono state oltre 2 miliardi le video views sui canali internazionali Facebook, Instagram, Youtube e TikTok.

Un’offerta vincente che unisce contenuti esclusivi e linguaggi originali per coinvolgere attivamente un pubblico sempre più ampio e diventare il punto di riferimento in cucina anche per i più giovani. Ricette e proposte che Giallozafferano crea coinvolgendo alcuni dei migliori talenti della squadra di food creator, sempre di più al centro della formula di successo del brand. Tra questi Daniele Rossi con la sua cucina raffinata, la giovanissima piemontese Cooker Girl e l’italoamericana Nonna Pia.

Numeri straordinari che i canali internazionali di Giallozafferano hanno ottenuto con un’offerta sviluppata con successo anche sul sito in lingua inglese Giallozafferano.com. Tra i contenuti più amati dagli utenti le ricette italiane più famose al mondo, dal tiramisù alla carbonara fino all’amatriciana.

Grande successo per la prima special edition di The Wom dedicata al Pride con 10 milioni di persone raggiunte

Una maratona editoriale che celebra il Pride Month con più di 120 contenuti, 20 creator, short video, una web capsule e un nuovo visual arcobaleno

The Wom, il nuovo media brand digitale 100% inclusivo di Mondadori Media, si conferma anche in occasione del Pride Month un punto di riferimento per le giovani millennials e per la generazione Z per le quali l’unicità e la libertà d’espressione sono un punto di forza e un valore che arricchisce se stessi e gli altri, oltre ogni etichetta.

Per oltre 1 mese The Wom ha offerto su tutti i suoi 5 canali social e sul web un ricco palinsesto editoriale di racconti e approfondimenti che ha accompagnato tutta la community: una maratona speciale che, con più di 120 contenuti, ha raggiunto oltre 10 milioni di persone (fonte: Google analytics e social insight, giugno 2022).

Video testimonianze e spunti di riflessione, valorizzati da uno storytelling continuo sui social e sul web, in grado di sensibilizzare su temi di grande attualità, grazie anche alla collaborazione di 20 video creator e autori dell’universo LGBTQIA+: tra questi, Sara Fregosi, che ha condiviso con la community di The Wom le difficoltà nel fare coming out con la madre, e Samuele Bartoletti, vittima di bullismo adolescenziale che ha lanciato un messaggio di libertà e orgoglio raccontando la propria storia. Un palinsesto arricchito da curiosità e approfondimenti per fare chiarezza sulle alcune delle tematiche maggiormente dibattute, anche attraverso i Vocal Carousel, una raccolta di audio vocali autentici in cui The Wom ha chiesto alle persone della propria community le sensazioni provate al Pride.

Per ogni contenuto, The Wom ha scelto il format e il canale più adatto: dai short reel su TikTok, con storie dei creator e contenuti informativi, ai Carousel e reel verticali su Instagram dedicati a make up, style pride e moda fluida, dalla web capsule, con un palinsesto quotidiano per approfondire i temi della comunità LGBTQIA+, al live coverage con IG Stories in diretta dal Pride di Milano, dove un video maker e un editor in collegamento hanno intervistato i partecipanti per far vivere l’esperienza  in tempo reale e trasmetterla sui social. Con questo nuovo format di special edition saranno affrontate tante altre tematiche ed eventi nel corso dell’anno.

In occasione del mese del Pride, il brand ha inoltre lanciato The Wom Pride, un nuovo visual arcobaleno, che ha accompagnato tutto lo storytelling del brand, con il logo The Wom Pride su tutti i social, il pride bar arcobaleno su tutti i contenuti, un link fisso in navigazione nel sito e uno spazio fisso dedicato alla web capsule nella homepage del sito.

Con questo progetto The Wom conferma la propria mission di promozione di una cultura che afferma la libera espressione della personalità: rivolto a una community di persone attente ai valori di parità di genere, accettazione di sé e sostenibilità, con contenuti e un linguaggio inclusivi tipici della generazione Z e dei millennial, The Wom è il primo media brand italiano ad aver introdotto un Gender & Inclusion Committee.

The Wom conta un’audience in continua crescita: con 10 milioni di utenti unici raggiunti (fonte: Comscore marzo 2022), 4 milioni di fanbase e 35 milioni di video views (fonte: Shareablee e social insight, maggio 2022).