Interni

Interni presenta il volume “XXX-Y 30 anni di FuoriSalone”

Oltre 500 pagine e più di 1.000 immagini, con il libro edito da Electa si celebrano i progetti, i personaggi e gli eventi più memorabili che hanno segnato la nascita e lo sviluppo del FuoriSalone

Il volume sarà presentato in anteprima martedì 21 dicembre alla Triennale di Milano e vedrà la partecipazione di: Stefano Boeri, Giulio Cappellini, Antonio Citterio, Stefano Giovannoni, Ferruccio Laviani, Piero Lissoni, Rosita Missoni, Paola Navone, Maria Porro e Patricia Urquiola (evento su invito)

000_30Fuorisalone_Cover_ITA

INTERNI, il magazine di interiors e contemporary design del Gruppo Mondadori diretto da Gilda Bojardi, presenta XXX-Y 30 ANNI DI FUORISALONE, il volume edito da Electa che celebra i personaggi e gli eventi più memorabili che hanno segnato la nascita e lo sviluppo della manifestazione simbolo della città di Milano. Il racconto parte dalle origini, ovvero dalla “Milano Designer’s Week” nata nel 1990 per volontà di Gilda Bojardi e di INTERNI, che nel tempo si è trasformata con il nome di FuoriSalone (inventato sempre dal direttore della rivista) fino ad arrivare all’esplosione dei distretti temporanei di design e alla sua affermazione come festa urbana.

Attraverso 512 pagine, 1.000 immagini e i progetti di oltre 2.500 protagonisti, il libro ripercorre la storia del più importante appuntamento al mondo per il design internazionale.

“Non basta ricorrere all’equazione Design = Milano per comprendere il successo di una manifestazione unica nel suo genere quale è il FuoriSalone”, dichiara Gilda Bojardi, direttore di INTERNI. “Come spieghiamo in questo libro, nato a 30 anni di distanza dal primo evento che, su nostra iniziativa, ha coinvolto in modo strutturato i luoghi milanesi del design, il FuoriSalone è un’opera corale che ha tanti protagonisti e a cui hanno concorso diversi fattori storici, geografici, produttivi e culturali. Di fatto, è l’espressione di un sistema che solo in Italia e solo a Milano poteva trovare le sue radici feconde. Dal 1990 a oggi la manifestazione è cresciuta sempre più, superando, in termini di vivacità culturale e di sperimentazione, i confini della mostra-mercato e diventando una grande festa urbana che tutti i visitatori, a prescindere dall’interesse professionale, percepiscono come un grande happening trasversale, spettacolare e imperdibile. L’indotto economico è tale da farne la settimana più importante dell’anno per la città e, assieme al Salone del Mobile – rispetto al quale si pone in modo complementare – fa di Milano il luogo elettivo per la diffusione di una cultura che pone il design al centro di un dibattito per l’innovazione e il progresso della società”, conclude il Direttore.

Il volume fa rivivere le tappe, gli avvenimenti e gli eventi più emblematici che hanno scandito la storia del FuoriSalone – un modello culturale, spettacolare e di mercato copiato in tutto il mondo, basato su un riuscito mix di performance, installazioni, mostre ed espressioni sperimentali – e hanno permesso a Milano di diventare la riconosciuta Capitale Internazionale del Design.

La narrazione è organizzata in ordine cronologico e suddivisa per decenni (1990-1999, 2000-2009, 2010-2019), introdotti da un capitolo dedicato agli anni Ottanta, ovvero agli eventi anticipatori del FuoriSalone. I testi di quattro noti critici del design (Beppe Finessi, Deyan Sudjic, Paolo Ferrarini e Li Edelkoort) offrono una lettura generale e personale del fenomeno, della sua evoluzione e del suo significato. I decenni si avvalgono invece dell’introduzione storica e sociologica di Andrea Davide Cuman, docente universitario e studioso, che racconta la manifestazione in rapporto all’evoluzione del gusto e alle trasformazioni della città.

La carrellata delle immagini – tratte dagli archivi di INTERNI – è intervallata dai contributi di circa 50 personaggi che con le loro testimonianze, ricordi e aneddoti di costume raccontano il ‘loro’ FuoriSalone: dagli ideatori di grandi eventi che hanno gettato le basi del FuoriSalone – come Giulio Cappellini, Paolo Pallucco, Patrizia Moroso – ai progettisti che hanno realizzato installazioni indimenticabili – tra cui Ron Arad, Andrea Branzi, Michele De Lucchi, Jacopo Foggini, Barnaba Fornasetti, Massimo Iosa Ghini, Antonio Marras, Fabio Novembre, William Sawaya e Paolo Moroni, Emiliano Salci – per arrivare a galleristi e curatori che con i loro spazi e le loro iniziative hanno segnato l’evoluzione del fenomeno urbano – tra cui Gisella Borioli, Rossana Orlandi, Antonia Jannone e Carla Sozzani.

XXX-Y 30 ANNI DI FUORISALONE sarà presentato in anteprima martedì 21 dicembre 2021 alla Triennale di Milano nel corso di un incontro – su invito – che vedrà la partecipazione di: Stefano Boeri, Giulio Cappellini, Antonio Citterio, Stefano Giovannoni, Ferruccio Laviani, Piero Lissoni, Rosita Missoni, Paola Navone, Maria Porro e Patricia Urquiola.

Il volume XXX-Y 30 ANNI DI FUORISALONE sarà in libreria a partire dal 18 gennaio.

INTERNI ringrazia per la collaborazione: Videomobile, Moretti e Acqua Chiarella.

 

Interni presenta “Italian Design Factories 2021”: il sesto volume della Serie Oro

Sono 58 le aziende presentate nel volume che illustrano il meglio del saper fare italiano nell’ambito dell’arredo e non solo

Il libro è composto da 288 pagine e sarà disponibile dal 4 dicembre nelle edicole

INTERNI, il magazine di interiors e contemporary design del Gruppo Mondadori, presenta ITALIAN DESIGN FACTORIES 2021, il secondo volume dedicato alle eccellenze del saper fare italiano dell’arredo ma anche il sesto capitolo della Serie Oro, iniziato nel 2014 con la prima pubblicazione della Serie Oro che ha celebrato i 60 anni della rivista.

Italian Design Factories – nelle due edizioni 2019 e 2021 – è una pubblicazione che racconta al mondo 116 realtà imprenditoriali e la loro capacità di rinnovarsi costantemente”, spiega Gilda Bojardi, Direttore di INTERNI. “È nelle fabbriche, infatti, che si incontrano e interagiscono le competenze di tutti gli attori del sistema design. Ed è nelle fabbriche, intese come luogo di produzione sia tecnica che culturale, che avviene quella magia per cui un’idea prende forma e si trasforma in un oggetto capace di emozionare. Il nostro focus si concentra su tutte quelle realtà in cui si rinnova la grande tradizione artigianale italiana, capace oggi di integrarsi con i processi industriali più evoluti – sempre più rispettosi dell’ambiente – e di cogliere le possibilità offerte dalle tecnologie digitali”, conclude il Direttore.

Sono 58 le aziende presentate in questo volume: ognuna di esse spiegata attraverso le proprie specificità distintive legate a storia, architettura, know how tecnologico, contenuti artigianali e di ricerca nell’ambito dell’arredo, dei complementi, dei rivestimenti e dei materiali, ma anche qualità e sostenibilità nella produzione, distribuzione e comunicazione. Una pubblicazione che ha l’ambizione di essere il Who is Who del made in Italy, un prezioso strumento di informazione per gli operatori italiani ed internazionali che vogliono essere documentati sulla migliore industria manifatturiera del nostro paese.

La rassegna tematica delle aziende – introdotta da riflessioni di illustri critici ed economisti, tra cui Roberto Cingolani, Ministro della Transizione Ecologica, Domitilla Dardi, Curatore per il Design del Museo Maxxi, e Domenico Sturabotti, Direttore Fondazione Symbola – è una carrellata di immagini che ne cattura le fasi di lavorazione – dai processi produttivi industriali alle tecnologie digitali, uniti alla grande tradizione artigianale – e che fotografa l’unicità del Made in Italy.

Saranno numerose le occasioni in cui verrà presentato Italian Design Factories. Si partirà a gennaio presso il Padiglione Italia di Expo 2020 Dubai (in corso fino al 31 marzo 2022), per proseguire con eventi durante tutte le principali fiere nazionali e internazionali del design 2022.

Con 288 pagine, Italian Design Factories (in inglese con traduzione in italiano) sarà in tutte le edicole a partire dal 4 dicembre allegato al nuovo numero del giornale (10 euro rivista inclusa).

Per dare ancora maggior visibilità al volume ne verrà rafforzata la distribuzione in Italia e all’estero nei principali showroom di design di Miami, New York, Londra e Milano. Anche la comunicazione verrà potenziata attraverso una forte presenza sul territorio, nelle edicole e negli aeroporti di Linate e Malpensa.

Per tutte le informazioni: www.internimagazine.it

Italian_Design_Factories_2021

FuoriSalone 2021: grande successo per la mostra “INTERNI Creative Connections”

Oltre 180.000 visitatori all’Università degli Studi di Milano, all’Orto Botanico di Brera e all’Audi City Lab in via della Spiga, 26

Con questo appuntamento INTERNI conferma la leadership assoluta nel segmento living professionale e nella comunicazione del design system

Grande successo per la mostra INTERNI Creative Connections al FuoriSalone 2021. Dal 4 al 19 settembre l’evento ha registrato una presenza di pubblico di oltre 180.000 persone complessive nelle tre sedi: i Cortili dell’Università degli Studi di Milano, l’Orto Botanico di Brera e – fino al 27 settembre – l’Audi City Lab, per la prima volta in via della Spiga 26.

Il magazine del Gruppo Mondadori diretto da Gilda Bojardi ha chiamato grandi protagonisti italiani del progetto, designer e architetti internazionali a tradurre in installazioni sperimentali i concetti di cura, sostenibilità e mobilità. Con il contributo di 2 co-producer (Audi ed Eni) e in collaborazione con aziende e istituzioni sono state realizzate per la mostra quasi trenta installazioni, micro-architetture e macro-oggetti, tutti site-specific che – insieme a conferenze e talk – hanno creato un mosaico variegato di stili e visioni, ma anche di momenti di confronto, richiamando migliaia di persone. Tra questi anche tantissimi giornalisti italiani e stranieri che hanno dato a INTERNI Creative Connections una copertura mediatica eccezionale – dai quotidiani nazionali alle radio e alle televisioni, alla stampa specializzata, alle testate a grande diffusione – oltre ad assicurare una presenza continua sui principali canali social e web.

Il sito Internimagazine.it ha registrato un incremento del +50% di utenti unici rispetto al periodo precedente e il potenziamento di tutte le attività social – con la realizzazione di oltre 650 post, ciascuno con una media di 70.000 persone profilate – ha fatto raddoppiare la reach totale rispetto ai dati precedenti.

La mostra di INTERNI si conferma pertanto l’evento simbolo del FuoriSalone – di cui quest’anno ricorreva il 30° anniversario – nato nel 1990 proprio per iniziativa di Gilda Bojardi, direttore del magazine. Alla base di questo successo l’alto livello progettuale e culturale delle installazioni, i brand coinvolti, noti a livello italiano e internazionale, così come le realtà più piccole, che ugualmente hanno saputo veicolare contenuti di valore.

Questo riscontro eccezionale, sia di pubblico, sia di visibilità mediatica, testimonia quindi la leadership assoluta di INTERNI nel segmento living professionale e nella comunicazione del design system, e, come sottolinea Gilda Bojardi, “è stato anche un segnale forte per Milano e per un comparto vivo – come quello del design – che propone e produce e che non si è mai arreso. Anzi, proprio grazie agli appuntamenti, presentazioni, conferenze, dibattiti reali e virtuali, alle nuove proposte e collezioni e agli allestimenti negli showroom, nei nuovi spazi e nei musei allestiti per l’occasione, questo FuoriSalone è stato un evento unico e indimenticabile”.

Si ringraziano tutte le aziende e i partner che hanno partecipato alla mostra: Audi/Marcel Wanders studio, Eni/Carlo Ratti Associati, Italo Rota, Alessio Fini; Artemide/MC A – Mario Cucinella Architects; GLO/ Marco Nereo Rotelli; OPPO/Kengo Kuma, London Design Festival, Clare Farrow e Musicity/Midori Komachi; Fondazione Renzo Piano con Lia Piano/Anna Merci con Puricelli; Whirlpool/AMDL Circle e Michele De Lucchi; Sal Cord e Oneeightyone/Italo Rota e Francesca Grassi; EXPO 2020 Dubai – Padiglione Italia;  Eurostands e Ledvance/MAD Architects; Corepla e Guzzini/Stroop Design con Jeffrey Beers International; Staininger Group-Six Senses Kitzbühel Alps/Peter Pichler Architecture; Guglielmi/Alessandro Zambelli; Qeeboo/Stefano Giovannoni; NABA Nuova Accademia di Belle Arti/Claudio Larcher e Sara Ricciardi; EWO/NOA* Network of Architecture; LAD onlus/Emilio Randazzo; Ambasciata d’Italia a Madrid, COAM, di_mad, ADI-FAD/Davide Valoppi– Noarc; JCP Universe/CTRLZAK per Omaggio a Nanda Vigo; Fondazione Bisazza per Omaggio a Alessandro Mendini; PerDormire/Fabio Novembre Studio; Associazione per il Policlinico Onlus/CastagnaRavelli; APEX-Brasil con Abimóvel/José Roberto Moreira do Valle; Mapei/Cino Zucchi Architetti e Chiara Zucchi; TMK Projekt, Wolf Group, Forbo, Hushoffice, Muraspec/Mac Stopa e Massive Design; Missoni Home/Rosita Missoni; Nardi/Raffaello Galiotto; Magis; Netflix e infine Axor-Hansgrohe, Caricami, Danese, Ferrarelle, illy, Kartell.

 

La mostra evento “INTERNI Creative Connections” celebra il 30° anniversario del Fuorisalone

Dal 4 al 19 settembre all’Università degli Studi di Milano, all’Orto Botanico di Brera e in via della Spiga, 26

Il magazine ha coinvolto progettisti italiani e di provenienza internazionale, in collaborazione con prestigiose aziende, start-up e istituzioni

IF_2021_Cover_AZ

INTERNI Creative Connections è il titolo dell’attesissima mostra-evento ideata dal brand di interiors e contemporary design del Gruppo Mondadori, che avrà luogo dal 4 al 19 settembre nei Cortili dell’Università degli Studi di Milano, all’Orto Botanico di Brera e per la prima volta in via della Spiga, 26.

Con il patrocinio del Comune di Milano, INTERNI Creative Connections sarà anche l’occasione per celebrare il 30° anniversario del FuoriSalone, nato nel 1990 per iniziativa di Gilda Bojardi, direttore del magazine, e universalmente riconosciuto come evento di riferimento per il design e l’architettura internazionale.

“La vera vocazione del FuoriSalone è proporre un modello culturale, spettacolare e di mercato, che si traduce sul territorio in performance, installazioni, mostre e, in modo del tutto naturale, in espressioni sperimentali che con gli anni sono diventate parte di uno spontaneo processo di formazione didattica e progettuale”, spiega Gilda Bojardi, direttore di INTERNI. “Il bilancio degli ultimi appuntamenti del FuoriSalone ci permette di inquadrarlo storicamente come un’opera corale di cui INTERNI è uno dei protagonisti assoluti. Un fenomeno che si pone in modo complementare alla storica manifestazione del Salone del Mobile, assumendo la città come luogo per la diffusione di una cultura che fa del design un fattore di riflessione, di sviluppo e d’incontro. Un modello molto imitato nel mondo ma tutt’oggi ineguagliabile che quest’anno festeggia la sua trentesima edizione. Per questa speciale ricorrenza anche Palazzo Niemeyer, sede della Mondadori, verrà illuminato di rosso, verde e giallo, i colori del logo della nostra mostra”.

INTERNI Creative Connections nasce con l’intento di attivare e moltiplicare connessioni e relazioni: un sistema virtuoso tra i protagonisti della creatività, progettisti, imprese, reti distributive che hanno l’imprescindibile necessità di connettere persone, idee e progetti provenienti da luoghi e culture diversi. In collaborazione con aziendemultinazionalistart-up istituzioni sono state realizzate quasi trenta installazionidesign islandsmicro-architetture macro-oggettitutti site-specific, che sviluppano tre temi importanti che sono: ‘Cura’, nella progettazione, nei processi produttivi, nell’utilizzo dei materiali e nella conseguente applicazione dell’economia circolare, ‘Sostenibilità’ intesa come fare consapevole e come indicazione di metodo, un atteggiamento creativo e produttivo, fondamentale per chi progetta, fa impresa, inventa e sperimenta; e infine ‘Mobilità/Velocità’, in senso reale e metaforico, riferita ai popoli, al pensiero, allo spazio, ai mezzi di trasporto e alle tecnologie.

Installazioni e designers

Tra le proposte che prendono forma negli spazi dell’Università milanese, all’interno Cortile della Farmacia l’installazione progettata da Mario Cucinella nel che accompagna i visitatori all’interno di una narrazione visiva dedicata al mondo di Ernesto Gismondi, geniale imprenditore e fondatore della celebre azienda milanese Artemide, scomparso nel 2020. Connettere materiali naturali e tecnologici con suoni è invece il contenuto di Bamboo ring: Weaving a Symphony of Lightness and Form dell’architetto giapponese Kengo Kuma, realizzata da Oppo in partnership con London Design Festival.

Condivisione-Connessione-Convivialità è poi il titolo della micro-architettura a torre – che anticipa la grande installazione di Whirlpool per il FuoriSalone di Aprile 2022 – e consiste in un simbolo che guarda il futuro e invita a interrogarsi sul senso dell’esistenza umana nel mondo di domani. Il progettista Michele De Lucchi con AMDL CIRCLE ha scelto di realizzare nel Cortile d’Onore una metaforica torre che spinge lo sguardo a salire e allo stesso tempo la mente a riflettere su chi siamo e saremo. Nel Cortile del Settecento si trova Falso autentico, il progetto per Glo di Marco Nereo Rotelli che lo definisce “la casa dei linguaggi che abbiamo perso”: si entra in un’architettura fatta di terra cruda con l’antica tecnica africana per uscire nel futuro, uno spazio digitale e immersivo.

Collocate all’interno del Cortile d’Onore due imponenti installazioni. La prima è Freedom – firmata da MAD Architects con il supporto dell’ufficio europeo dello studio cinese con sede a Roma: rappresenta un gabbiano con la testa rivolta verso l’alto a guardare il cielo, come se fosse sul punto di spiccare il volo per raggiungere terre lontane. La metafora è chiara ed è naturalmente connessa allo scenario post-pandemico che disegna la nostra contemporaneità, della quale vuole rappresentare un simbolo tangibile di ottimismo, di volontà di rinascita e di un rinnovamento che sia sociale e privato allo stesso tempo. Il prato ospita invece Survival, un progetto di Stefano Giovannoni, designer e titolare del marchio Qeeboo. L’idea nasce dal desiderio di rappresentare questo momento epocale con il racconto biblico del salvataggio dell’uomo e delle specie animali attraverso un’arca, qui rappresentata con una piattaforma di 10×6 metri dove si radunano, per mezzo di elevatori meccanici di circa 7 metri, una quarantina tra animali, alcuni anche a grandezza naturale.

Nella Hall dell’Aula Magna, l’allestimento Folded line per la mostra L’archivio si racconta – I libri della Fondazione Renzo Piano è una esposizione degli undici volumi editi da Fondazione Renzo Piano, ciascuno dedicato a un singolo progetto. Nel Loggiato Ovest trovano spazio le installazioni omaggio a Nanda Vigo e ad Alessandro Mendini, oltre all’installazione di Fabio Novembre Studio per Perdormire.

I main sponsor: AUDI ed Eni

Due sono i co-producer di INTERNI Creative ConnectionsAudi, marchio premium impegnato a 360° come provider di mobilità consapevole con la più ampia offerta di vetture elettriche al mondo, ed Eni, società integrata dell’energia con oltre 30.000 dipendenti in 68 Paesi del mondo. Ciascuno dei main sponsor presenta un’installazione di grande impatto, firmata da architetti di profilo internazionale: Marcel Wanders Studio con Audi presso l’Audi City Lab in via della Spiga 26, ed Eni con Carlo Ratti Associati con il contributo di Italo Rota (Creative Lead) e la ricerca scientifica di Alessio Fini, Scienze Agrarie e Ambientali dell’Università degli Studi di Milano presso l’Orto Botanico di Brera.

Alla ricerca e sperimentazione nel campo della mobilità è dedicato l’Audi City Lab, un hub che accoglierà storie e personaggi che incarnano l’idea di progresso Audi per celebrare nuove prospettive e idee sul futuro. A trasformare lo spazio non finito di Via della Spiga 26, Marcel Wanders studio, nell’ambito della mostra-evento INTERNI Creative Connections, con l’installazione Enlightening the future che racconta in modo emozionale le nuove frontiere della ricerca Audi grazie ad un’esperienza immersiva basata sulla luce quale strumento di connessione e di racconto dei suoi progetti di innovazione. L’allestimento ha come focus la presentazione di due nuove auto della Casa dei quattro anelli, Audi RS e-tron GT e Audi A6 e-tron concept, e come motivo d’ispirazione le varie forme espressive e progettuali con cui il marchio tedesco sviluppa il tema dell’illuminazione. Attraverso differenti scenari luminosi, il visitatore è guidato in un percorso esperienziale che inizia con un tunnel ‘sensoriale’, dove i muri, rivestiti di un soffice tessuto, emanano una luce diffusa che stimola a toccare e a interagire con lo spazio. Il corridoio porta alla sala di esposizione dei due nuovi modelli, dove la luce ‘esplode’ in un gioco dinamico di riflessi e rifrazioni, per assumere la funzione architettonica di un muro immateriale che protegge le vetture, come farebbe una teca di vetro con le opere d’arte in un museo, ma che il visitatore è invitato ad attraversare. Per indagare come si intersecano innovazione ed evoluzione, il 6 settembre si terrà il talk Audi Inspired by progress nel corso del quale prenderanno forma idee ed interpretazioni che anticipano il futuro generando inedite connessioni.

Spostandosi all’Orto Botanico di Brera, suggestiva oasi di verde stretta tra gli edifici del centro di Milano, Natural Capital, l’installazione, progettata dallo Studio Carlo Ratti Associati per Eni, con lo scopo di accrescere la consapevolezza dei visitatori sul ruolo delle foreste nel contrasto al cambiamento climatico. Natural Capital, che si estende per oltre 500 metri quadrati, mostra la CO2 catturata e accumulata dalle diverse specie presenti nell’Orto Botanico di Brera e i rischi derivanti dalla deforestazione, tra le prime cause di aumento della CO2 in atmosfera. I visitatori potranno ammirare l’installazione immersi nel giardino dell’Orto Botanico di Brera e sperimentare così un differente punto di vista sulla lotta al cambiamento climatico grazie al design, linguaggio universale in grado di stimolare una riflessione collettiva sulla decarbonizzazione. Il tema della conservazione delle foreste si inserisce appieno nel contesto della mostra INTERNI Creative Connections, parlando, attraverso il design, delle connessioni tra essere umano e natura e utilizzando le varie forme di creatività per individuare soluzioni efficaci a necessità sempre nuove, come il riscaldamento globale.

Il sistema INTERNI

Il sistema integrato di comunicazione di INTERNI si moltiplica e ribadisce il suo ruolo di principale fonte di informazione per il mondo del progetto. Grazie infatti a 2 pubblicazioni cartacee (INTERNI e la Guida FuoriSalone) e due digitale (INTERNI King Size e la Guida FuoriSalone), un grande evento (INTERNI Creative Connections), INTERNI online (sito web e social) e Interni Design Journal con approfondimenti e filmati che verrà veicolato attraverso un sistema di newsletter, fornisce gli strumenti che consentono di essere aggiornati in tempo reale sulle tendenze, le novità e le anticipazioni sul design.

Vero e proprio vademecum per tutti coloro che vogliono conoscere e orientarsi nel panorama sempre più ricco di appuntamenti della Design Week milanese, non può mancare la Guida FuoriSalone cartacea e digitale (fruibile anche su tablet e smartphone) che propone la lettura ragionata degli eventi e l’agenda day by day degli eventi che coinvolgono le aziende, i designer e gli architetti che partecipano al FuoriSalone.

La forza del brand è ben visibile anche sul territorio: per Creative Connections è prevista infatti una importante campagna di street advertising che comprende 15 striscioni posizionati nei principali ingressi di Milano e nel centro storico, 1.000 bandiere nelle locations degli eventi presenti nella Guida Fuorisalone, oltre 60 impianti digitali selezionati nelle zone di maggior passaggio, 10 retro bus shuttle, edicole personalizzate nel centro storico, vetrine e ledwall (Megastore Mondadori di Piazza del Duomo e Rizzoli Store di Galleria Vittorio Emanuele).

Con questo appuntamento che regala a Milano una visibilità unica ed eccezionale INTERNI conferma infatti la sua leadership assoluta nel segmento living professionale, ma anche nella comunicazione del design system, trasformandosi da pubblicazione settoriale a mass media.

Per tutte le informazioni: www.internimagazine.it

Expo Dubai: INTERNI presenta l’incontro “La Bellezza delle arti unisce le Persone” dedicato al Padiglione Italia a Expo 2020 Dubai

Il dibattito vedrà la partecipazione di Paolo Glisenti, Commissario Generale per l’Italia a Expo 2020 Dubai, del Direttore artistico Davide Rampello, di Gioia Placuzzi, Chief Operating Officer di Sicis, e del fotografo Massimo Sestini

Il talk sarà visibile martedì 29 giugno alle ore 18.30 su internimagazine.it

201910 Unveiling Italian Pavilion 2020_Renderings by CRA_rev

La Bellezza delle arti unisce le Persone: è questo il titolo dell’incontro organizzato da INTERNI, il magazine di interior e contemporary design del Gruppo Mondadori diretto da Gilda Bojardi, dedicato al Padiglione Italia a Expo 2020 Dubai.

L’Esposizione Universale, in programma dal 1° ottobre 2021 al 31 marzo 2022, sarà la prima a tenersi in un Paese dell’area ME.NA.SA., Medio Oriente, Africa Settentrionale e Asia Meridionale: un evento di assoluta importanza anche per i temi legati all’architettura, al design e alla sostenibilità.

Expo Dubai rappresenta l’occasione di una ripresa e di una riaffermazione dell’Italia in tutte le sue declinazioni – delle arti e dei mestieri, dell’ingegno e dei saperi – in linea con il claim dell’atteso evento globale Connecting minds, creating the future (Connettere le menti, per creare il futuro) e con il titolo della partecipazione del nostro Paese: La Bellezza unisce le Persone.

Il Padiglione Italia, che aprirà i battenti a Expo 2020 Dubai il prossimo 1° ottobre, sarà infatti un racconto dell’eccellenza italiana. Il filo rosso che percorrerà tutte le sue declinazioni sarà la bellezza del nostro Paese: paesaggistica, architettonica, artistica, scientifica e manifatturiera. L’arte e la cultura del saper fare testimonieranno la capacità di valorizzare la storia attualizzandola attraverso i linguaggi e le tecnologie contemporanee. Il valore della Bellezza dell’arte nel Padiglione si declinerà poi nelle installazioni del Belvedere, del Giardino delle Storie – realizzato con il Cnr per controllare le emotività delle piante – e, soprattutto, del Teatro della Memoria, uno spazio foderato alle pareti da 2 milioni e 600mila tessere a foglia d’oro e vetro che riproducono quelle della cappella Palatina di Ravenna con un ottagono che accoglie una copia digitale del David, unica e non ripetibile, alta 5 metri e un centimetro.

Il dibattito vedrà la partecipazione di Paolo Glisenti, Commissario Generale per l’Italia a Expo 2020 Dubai, Davide Rampello, Direttore artistico del Padiglione Italia, Gioia Placuzzi, Chief Operating Officer di Sicis, e del grande Maestro della Fotografia Massimo Sestini – che mostrerà le immagini dall’alto del Padiglione Italia e del David, dalla digitalizzazione fino all’installazione – oltre all’intervento di Massimo Fagioli, Ceo e Presidente di Cartiere Paolo Pigna.

Nel corso dell’incontro, che sarà la prima occasione durante la quale verrà raccontato cosa si potrà vedere all’interno del Padiglione Italia per Expo 2020 Dubai, ci si concentrerà in particolare sul significato che ha oggi la manifestazione. Expo ha assunto infatti una connotazione ibrida, fisica e digitale, che sarà anche una opportunità per raggiungere tutti i visitatori virtuali, da ogni parte del mondo. Ma si parlerà anche di ecosostenibilità del Padiglione perché, essendo completamente compostabile, una volta dismesso tutte le sue parti verranno riutilizzate.

Il talk sarà visibile martedì 29 giugno, alle ore 18.30, sul sito internimagazine.it.

Gli appuntamenti successivi si terranno a settembre: uno durante la mostra-evento INTERNI Creative Connections, organizzata dal magazine per il FuoriSalone 2021, il successivo a Venezia in occasione della Biennale di Architettura.

L’iniziativa di INTERNI si inserisce nell’ambito della media partnership tra Mondadori Media, Official Gold Sponsor del Padiglione, e il Commissariato italiano per Expo 2020 Dubai che prevede numerose attività di comunicazione, culturali, editoriali ed eventi sia nel periodo di avvicinamento sia durante il semestre espositivo.

 

Grande successo per “Interni Designer’s Week 2021”

L’iniziativa registra una forte crescita sul digitale: +87% di reach su Instagram, più che raddoppiati gli utenti unici del sito rinnovato

Grande successo per "Interni Designer's Week 2021"

Grande successo per INTERNI Designer’s Week 2021, l’iniziativa organizzata dal magazine del Gruppo Mondadori diretto da Gilda Bojardi, che si è svolta dal 12 al 23 aprile nell’ambito di Milano Design City, la manifestazione urbana dedicata all’Industrial e Furniture Design, inteso come cultura del progetto e dell’innovazione.

Dodici giorni di incontri, interviste, dibattiti in presenza e virtuali, dedicati al saper fare dell’industria italiana, alla sostenibilità e all’economia circolare nella produzione e nel consumo.

“L’ottima riuscita di INTERNI Designer’s Week, alla quale hanno aderito oltre 50 tra le principali aziende di arredamento made in Italy, due main partner, AUDI ed ENI, e 100 progettisti, è un segnale forte per la città, per l’economia del Paese e per un comparto vivo – come quello del design – che propone e produce e che non si è lasciato abbattere. Anzi, proprio grazie alla loro partecipazione e alla loro instancabile volontà di ripresa, hanno fatto si che l’evento si sia potuto realizzare”, dichiara Gilda Bojardi, direttore di INTERNI.

Attraverso a un articolato palinsesto di comunicazione – una guida con il calendario di tutti gli eventi in versione cartacea e digitale, il quotidiano digitale Interni Design Journal, striscioni diffusi in città e campagna stampa su quotidiani e periodici, out of home print & digital e circuito ledwall DOOH, oltre all’introduzione della comunicazione Audience Targeting in partnership con AdKaora, digital advertising company –, INTERNI ha amplificato le novità del mondo del design utilizzando tutte le sue piattaforme, on e offline.

Inoltre, il potenziamento di tutte le attività social, con la realizzazione di oltre 300 post, ha fatto registrare una crescita significativa rispetto all’edizione di INTERNI Designer’s Week 2020 – tra questi +87% di reach su Instagram – con numeri destinati a salire nei prossimi mesi.

Traffico record anche per internimagazine.it con +127% di utenti unici. Questo importante risultato è stato ottenuto grazie al remake del sito, in grado di offrire una navigazione più chiara e immediata. Tra le novità, il menù totalmente rinnovato e arricchito di nuove sezioni  – come ad esempio, architettura, design, interior, video –  e nella home page tre grandi lanci in primo piano per raccontare gli highlits del giorno e soprattutto i prodotti delle aziende. Sono infatti proprio questi ultimi a giocare un ruolo chiave nell’informazione al target di riferimento con una sezione creata ad hoc e un piano editoriale sempre più circolare, sviluppato in tandem con i social. Infine ci sono approfondimenti legati all’attualità e uno spazio mensile dedicato a dossier tematici sulla produzione che hanno preso il via a maggio con uno speciale sulla cucina e che proseguiranno a giugno con focus sulla sostenibilità.

A poche settimane dal lancio del nuovo sito i ricavi pubblicitari sono triplicati a dimostrazione che internimagazine.it è già un must e che le aziende del settore sono mature per affrontare le future sfide digitali con un brand che dal 1954 ha una vocazione internazionale e multimediale.

Sito e social saranno in prima linea anche durante il FuoriSalone di settembre. INTERNI – da  sempre vicino alle aziende nella diffusione di progetti, opinioni, storie, idee e alle persone che le generano -, utilizzerà la propria piattaforma di comunicazione per dare massima visibilità a tutte le nuove collezioni e alle anteprime di prodotto. Inoltre non mancheranno aggiornamenti in tempo reale dalla grande mostra evento Creative Connections, organizzata dal magazine all’Università degli Studi di Milano e all’Orto Botanico di Brera.

 

 

 

“Interni Designer’s Week®” edizione 2021: INTERNI presenta talk, dibattiti e incontri dedicati al design, alla sostenibilità e all’economia circolare

Il magazine propone anche una guida cartacea e digitale con tutti gli eventi, approfondimenti sul sito appena rinnovato internimagazine.it, il quotidiano online “Interni Design Journal”, una newsletter giornaliera in italiano e inglese e il Meeting Point Interni presso l'Istituto Marangoni Milano Design School

1080x1080_IM_Rendering

In questo mese Milano riconferma il proprio ruolo centrale nell’ambito del design internazionale e, grazie al sistema INTERNI, vuole ripartire dalla creatività, dalla produzione e dalla comunicazione. Dopo il grande successo dell’edizione 2020, il magazine del Gruppo Mondadori diretto da Gilda Bojardi, ha organizzato infatti una nuova edizione di INTERNI Designer’s Week® (la 1ᵃ  fu nel 1990), la manifestazione urbana dedicata all’Industrial e Furniture Design, inteso come cultura del progetto e dell’innovazione.

L’iniziativa, realizzata con il patrocinio del Comune in occasione di Milano Design City, dal 12 al 23 di aprile proporrà conferenze, incontri, dibattiti ed eventi phygital dedicati alle nuove collezioni e alle anteprime di prodotto che si svolgeranno negli showroom e nelle gallerie della città e presso le sedi aziendali, utilizzando le piattaforme di comunicazione del magazine per diffondere progetti, opinioni, storie, prodotti, idee e persone che le generano.

“Pandemia e restrizioni non devono necessariamente tradursi in un vuoto di comunicazione”, dichiara il direttore Gilda Bojardi. “E in questo panorama, INTERNI, da sempre partner delle imprese del design e strumento di comunicazione on e off line dell’intero Sistema, si propone come promotore/sostenitore della ripartenza e riaccende lo spirito creativo di Milano”, conclude il direttore.

Il palinsesto di comunicazione

Anche questo aprile sarà infatti senza Salone e FuoriSalone ma INTERNI Designer’s Week® Milano, per amplificare le principali novità del mondo del design, propone un palinsesto articolato di comunicazione che prevede:

  • la guida con il calendario di tutti gli eventi della Designer’s Week Milano in versione cartacea (distribuita presso gli showroom e in edicola con il magazine)  e digitale consultabile con ogni device  e arricchita da fotogallery e video;
  • il quotidiano digitale Interni Design Journal con approfondimenti e filmati e che verrà veicolato attraverso un sistema di newsletter giornaliere che serviranno anche da save the date per tutti gli appuntamenti;
  • potenziamento di tutte le attività social;
  • il Meeting Point INTERNI, allestito nella sede dell’Istituto Marangoni Milano Design School (via Cerva 24) che ospiterà i talk e le interviste sul futuro del design, dove verranno organizzati incontri con architetti e designer, che potranno essere visti in streaming sul sito di INTERNI;
  • striscioni diffusi in città e campagna stampa su quotidiani e periodici, out of home print & digital e circuito ledwall DOOH;
  • per ampliare l’audience delle aziende, INTERNI introduce la comunicazione Audience Targeting – in partnership con AdKaora, digital advertising company – inviando a professionisti del settore: SMS a 38.000 architetti italiani, con link diretto alla Guida digitale, e DEM a circa 100.000 nominativi profilati, con i contenuti delle iniziative dei brand.

Inoltre, in occasione dell’INTERNI Designer’s Week®, il sito www.internimagazine.it sarà rinnovato e potenziato, con una programmazione editoriale ancora più integrata e circolare tra web e social. Ogni giorno storie, inchieste, interviste, progetti e opinioni dal mondo del design, ma anche un wall di novità di prodotto raccontate da INTERNI e una sezione dedicata all’Interni Design Journal.

I talk di INTERNI Designer’s Week®

Dodici giorni di incontri, interviste, dibattiti in presenza e virtuali, per discutere del saper fare dell’industria italiana e per parlare di sostenibilità ed economia circolare nella produzione e nel consumo, temi molto sentiti dalle aziende che oggi non possono più esimersi da un comportamento eticamente virtuoso. Ad esprimere il loro punto di vista, opinion leader già affermati nei rispettivi comparti produttivi, a livello italiano e internazionale, e nuove generazioni che hanno fatto dell’attività di ricerca il loro core business: designer, architetti, creativi, artisti e art director, imprenditori, sociologi, teorici della comunicazione e della scienza, autorità istituzionali pubbliche e private, con l’obiettivo di una nuova visione del progetto sostenibile, per un mondo più inclusivo, interattivo, democratico. Tra i contributi: Paolo Lioy (Amministratore Delegato Whirlpool Italia), Luisa Lavagnini (Eni Head of Research & Technological Innovation), Francesco Santangelo (Eni gas e luce Head of Relations and initiatives), gli architetti Paola Navone, Giulio Cappellini, Antonio Citterio, Carlo Ratti, Italo Rota e il professor Davide Rampello.

Due main partner accompagnano INTERNI durante la Designer’s Week: AUDI ed Eni.

Per questa occasione, Audi è nuovamente presente a Milano, a concreta e fattiva dimostrazione di affinità valoriale con il territorio in termini di innovazione e progresso. Grazie all’unveiling e alla possibilità di scoprire di persona in anteprima nuova Q4 e-tron, il primo SUV compatto premium a zero emissioni, su piattaforma elettrica, Audi ridisegna la sua presenza a Milano affidando a Mario Cucinella e al suo studio MCA – Mario Cucinella Architects, leader sul fronte della progettazione sostenibile, l’installazione United for Progress. Lo spazio sorge presso un luogo che come Audi ha saputo rompere le regole: BAM – Biblioteca degli Alberi Milano, il giardino botanico contemporaneo a Porta Nuova.

Anche Eni conferma la sua presenza alla Designer’s Week di Milano dove, in collaborazione con INTERNI, propone due incontri sull’energia, tema fondamentale per il presente e il futuro di tutti. Il primo incontro porterà gli ascoltatori a Dubai dove, nel Padiglione Italia a Expo, Eni mostrerà la sua tecnologia per un futuro decarbonizzato grazie anche a microalghe che catturano CO2 e, in un’ottica di economia circolare, diventano nuovi prodotti applicabili in diversi campi. Nel secondo, con Eni gas e luce, si parlerà dell’importanza di avere case energeticamente efficienti e sostenibili per contribuire a creare un futuro a ridotte emissioni delle nostre città.

In questo momento particolarmente complicato, INTERNI ribadisce il suo ruolo strategico nel mondo del design – settore fondamentale nella società, che fa di Milano un riferimento insostituibile per tutto il Sistema Paese – coinvolgendo in questa importante iniziativa oltre 50 tra le principali aziende di arredamento made in Italy e 100 progettisti in 12 giorni di presentazioni e talk virtuali.

I talks di INTERNI Designer’s Week® avranno luogo dal 13 al 22 aprile al Meeting Point di INTERNI, l’Istituto Marangoni in via Cerva 24, e saranno in streaming dalle 18.30 sulla homepage del sito www.internimagazine.it.

Partner del Meeting Point di INTERNI: Ferrarelle, illy, Whirlpool.

 

 

 

EXPO 2020 DUBAI: SUL NUMERO DI MARZO DI INTERNI UN’ANTEPRIMA DEDICATA AL PADIGLIONE ITALIA

Il racconto esclusivo a tre voci d’eccezione: il Direttore artistico Davide Rampello e i progettisti Carlo Ratti e Italo Rota

Nell’approfondimento un dizionario dei materiali innovativi e sostenibili della vetrina dell’Italia all’Esposizione Universale

Rendering Padiglione Italia

Italian beauty: questo è il titolo dell’articolo che INTERNI, the magazine of interiors and contemporary design, rivista del Gruppo Mondadori, dedica al Padiglione Italia a Expo 2020 Dubai. Sul numero di marzo in edicola da oggi, la pubblicazione in anteprima dell’architettura e dei contenuti del Padiglione.

L’Esposizione Universale, in programma dal 1° ottobre 2021 al 31 marzo 2022, sarà la prima a tenersi in un Paese dell’area ME.NA.SA., Medio Oriente, Africa Settentrionale e Asia Meridionale, un evento di importanza strategica per i temi legati alla sostenibilità, in chiave di economia circolare e di ottimizzazione delle risorse.

Expo Dubai rappresenta l’occasione di una riaffermazione dell’Italia in tutte le sue espressioni di ingegno e know how, in linea con il concetto espresso dal claim dell’atteso evento globale “Connecting minds, creating the future“ (“Connettere le menti, per creare il futuro”) che il nostro Paese declina in “La Bellezza unisce le Persone”, la bellezza italiana da sempre elemento di connessione tra popoli, talenti e ingegno, eredità culturale mediterranea e ponte verso il futuro.

In esclusiva per la rivista INTERNI, diretta da Gilda Bojardi, tre voci narranti d’eccezione – il Direttore artistico del Padiglione Italia Davide Rampello e i progettisti Carlo Ratti e Italo Rota – svelano i segreti della struttura, frutto di creatività, ricerca avanzata e innovazione sostenibile made in Italy.

All’interno dell’articolo, una Guida-Glossario dei materiali utilizzati per l’architettura e gli interni del Padiglione, elencati e descritti in ordine alfabetico, diventa uno strumento di dialogo e confronto per architetti, progettisti, designer, arredatori e naturalmente un’ispirazione per le aziende del Made in Italy.

L’iniziativa editoriale si inserisce nella media partnership tra Mondadori Media, Official Gold Sponsor del Padiglione, e il Commissariato italiano per Expo Dubai. Per rafforzare con attività culturali, editoriali ed eventi il progetto di partecipazione del nostro Paese alla prossima Esposizione Universale 2021-2022, sono infatti previste numerose attività di comunicazione del Gruppo editoriale Mondadori sia nel periodo di avvicinamento che durante il semestre espositivo.

INTERNI: IL NUOVO NUMERO ALL’INSEGNA DELL’INTERNAZIONALITÀ E DEL “PHYGITAL DESIGN”

Tante le novità per il 2021: ad aprile la Designer’s Week, a settembre la mostra-evento Creative Connection e la media partnership con il Padiglione Italia a Expo 2020 Dubai

cover INTERNI gennaio 2021

INTERNI, il magazine di interiors e contemporary design del Gruppo Mondadori, inizia il nuovo anno con un numero internazionale dedicato al Phygital Design che combina esperienze fisiche e digitali. Tante le iniziative previste nel corso dell’anno: due eventi a Milano ad aprile e settembre, e la media partnership con il Padiglione Italia a Expo 2020 Dubai.

INTERNI Phygital Design e la Guida Index Design

Completamente in lingua inglese, con traduzione del testo in italiano alla fine del giornale, questo numero del magazine sviluppa il tema della comunicazione nella filiera della creatività.

“Comunicare. Mai come oggi questa parola ha assunto un significato così denso di contenuti”,  ha dichiarato Gilda Bojardi, direttrice di INTERNI. “La pandemia e la distanza fisica ci hanno costretto a reinventare il modo di condividere pensieri e progetti, sperimentando tutte le possibilità della comunicazione digitale a supporto di quella fisica. Ma ci hanno anche fatto constatare quanto sia importante il contatto diretto, per trasferire l’enorme bagaglio valoriale da cui prendono forma i prodotti del design italiano. Ci troviamo dunque a un importante punto di svolta, in cui è necessario ripensare l’essenza stessa dell’atto del comunicare, ovvero i suoi contenuti. Che quando hanno a che fare con il progetto devono sì emozionare, ma anche raccontare una storia di identità, cultura e valori”.

Per realizzare questo numero, INTERNI ha chiesto alle aziende in quale modo il mix digitale-reale ha cambiato il loro modo di rappresentarsi. Ha inoltre condotto un’inchiesta tra i professionisti della comunicazione, a cui ha chiesto un parere sulla trasformazione in atto. Il quadro che è emerso è denso e stimolante: l’anno zero dell’era ‘phygital’ porterà a sperimentare, a scardinare gli schemi consolidati della comunicazione del progetto, a creare nuovi modelli di racconto dello storico saper fare italiano.

Allegata al nuovo numero di INTERNI, la Guida Design Index, una guida unica con oltre 8000 indirizzi del design italiano: chi produce e cosa produce, dove si acquista e cosa si acquista, chi disegna, chi fotografa, chi pubblicizza, chi pubblica, chi insegna, chi organizza e chi espone.

Disponibile anche in versione digitale, è consultabile anche online da ogni device mobile (smartphone o tablet) e da desktop al link: https://www.internimagazine.it/designindex/

Gli eventi e le iniziative speciali

INTERNI, punto di riferimento nel design, grazie alla sua forza creativa ha sviluppato un sistema di pubblicazioni parallele che lo hanno trasformato da rivista mensile a un brand capace di creare eventi ed iniziative anche all’estero. Nel corso dell’anno non mancheranno infatti  tante novità per riaccendere lo spirito creativo di Milano e non solo.

Dopo il grande successo della 1° edizione di INTERNI Designer’s Week 2020 – che ha registrato una reach di 18 milioni di utenti sui canali digital e social del brand e la visita fisica di oltre 60.000 persone provenienti  dall’Italia e dall’estero – dal 12 al 23 aprile il magazine darà vita a Milano alla 2° edizione della manifestazione urbana dedicata all’industrial e furniture design, con un focus sugli aspetti della sostenibilità, dell’economia circolare e mobility. Attraverso una guida cartacea e digitale, sarà data visibilità on e off line alle presentazioni delle nuove collezioni di prodotto che le più importanti aziende italiane ed estere proporranno presso i rispettivi flagship store, showroom e location speciali.

A settembre, per il FuoriSalone 2021, dal 4 al 19 INTERNI darà vita alla mostra-evento Creative Connections. Allestita nelle corti dell’Università Statale di Milano e all’interno della suggestiva cornice dell’Orto Botanico di Brera, la mostra si propone di connettere creatività, idee e persone provenienti da culture e luoghi diversi.

Infine, per rafforzare con attività culturali, editoriali ed eventi il progetto di partecipazione del nostro Paese alla prossima Esposizione Universale, INTERNI sarà media partner del Padiglione Italia a Expo 2020 Dubai. La collaborazione si articola in eventi e iniziative editoriali durante il semestre espositivo e nel periodo di avvicinamento a Expo 2020 Dubai, al via il 1° ottobre 2021.

INTERNI gennaio-febbraio è in edicola a partire da mercoledì 20 gennaio 2021.

Per tutte le informazioni www.internimagazine.it

 

“INTERNI Designer’s Week”: INTERNI riaccende lo spirito creativo di Milano con talk e dibattiti dedicati al design

Il magazine propone anche una guida cartacea e digitale con tutti gli eventi, il quotidiano online “Interni Design Journal”, un circuito di 8 ledwall DOOH e il Meeting Point Interni presso l'Istituto Marangoni Milano Design School

Straordinario il risultato pubblicitario che vede l’adesione di 100 tra clienti e istituzioni e riconferma INTERNI leader nel suo segmento e non solo

INTERNI Designer’s Week è l’iniziativa organizzata dal magazine del Gruppo Mondadori diretto da Gilda Bojardi con il patrocinio del Comune in occasione di Milano Design City (28 settembre – 10 ottobre): oltre 10 giorni di talk, conferenze, dibattiti ed eventi “onlife” dedicati alle nuove collezioni e alle anteprime di prodotto che si svolgeranno negli showroom e nelle gallerie della città e presso le sedi aziendali, in Italia e all’estero, utilizzando le piattaforme di comunicazione del magazine.

“Dopo il lockdown e l’annullamento di tutti gli appuntamenti fieristici di settore, il Sistema Design Italia riparte dalla creatività, dalla produzione e dalla comunicazione”, spiega Gilda Bojardi, Direttrice di INTERNI. “Il Comune di Milano si è fatto promotore di questa volontà di ripresa animando il secondo semestre milanese con una manifestazione urbana dedicata proprio alla cultura del progetto e dell’innovazione, con un focus sui vari aspetti della sostenibilità, mettendo in evidenza il ruolo propulsore della nostra città nella fase di rinascita di questo anomalo 2020”.

L’iniziativa di INTERNI si ispira alla prima Designer’s Week Milano ideata da Gilda Bojardi nel 1990 quando, per ragioni organizzative, non si svolse a settembre il Salone del Mobile. In quell’anno il magazine stimolò e coordinò gli eventi di un centinaio di showroom e gallerie creando le basi per lo sviluppo del FuoriSalone.

Trent’anni dopo, INTERNI riaccende lo spirito creativo di Milano, diffondendo e amplificando progetti, opinioni, storie, prodotti, idee e persone che le generano attraverso un articolato sistema di comunicazione che prevede:

  • La guida con il calendario di tutti gli eventi della Designer’s Week Milano  in versione cartacea (distribuita presso gli showroom e in edicola con il magazine)  e digitale consultabile con ogni device  e arricchita da fotogallery e video;
  • Interni Design Journal che per l’occasione diventa quotidiano con approfondimenti e filmati e che verrà veicolato attraverso un sistema di newsletter giornaliere che serviranno anche da save the date per tutti gli appuntamenti;
  • Potenziamento di tutte le attività social anche grazie a contenuti realizzati da architetti, progettisti e influencer di fama nazionale e internazionale che invitano alla INTERNI Designer’s Week attraverso i profili Instagram e Facebook della rivista;
  • Il Meeting Point INTERNI, allestito nella sede dell’Istituto Marangoni Milano Design School (via Cerva 24) che ospiterà i talk e le interviste sul futuro del design (visibili a tutti on line e per un pubblico selezionato e ristretto on site).

Tredici giorni di incontri, interviste, dibattiti reali e virtuali, per discutere del futuro del design. Un’occasione per presentare opinioni, storie, progetti, prodotti e idee con i protagonisti. Benefit Corporation, Home Experience, Contract, Life Cycle, Movers, Food, Heritage, Designing Care, Making, Company, Health, Light e Surface questi e altri ancora i temi affrontati dalle più autorevoli voci nel campo dell’architettura e del design nazionale e internazionale. Tra i contributi: Carlo Colombo, Michele De Lucchi, Ferruccio Laviani , MAD Architects, Ico Migliore, Roberto Palomba, Carlo Ratti, Marcel Wanders, Massimo Iosa Ghini, Lorenzo Palmeri, Patricia Urquiola.

Nell’ambito di “Milano Design City”, tra gli eventi più importanti, l’inaugurazione di INTERNI Designer’s Week che si terrà venerdì 2 ottobre nei suggestivi spazi delle Gallerie d’Italia  in Piazza della Scala (via Manzoni 10), sede anche del talk organizzato da Audi dal titolo Change your view, change your way (su invito). Fabrizio Longo, Direttore Audi Italia, si confronterà con designer, architetti e scrittori sull’evoluzione della mobilità in un contesto sociale in straordinaria trasformazione. Ridisegnare la realtà mettendo la persona al centro del progresso tecnologico diviene imperativo nelle scelte di un brand consapevole. Da qui, la ricerca di Audi per evolvere l’interazione fra l’uomo e l’ecosistema attraverso nuove soluzioni.

INTERNI Designer’s Week ha raggiunto uno straordinario risultato pubblicitario che riconferma INTERNI come leader nel suo segmento e non solo, oltre ad essere punto di riferimento per il mondo del design.  Sono infatti 100 tra clienti e istituzioni che hanno raccolto con entusiasmo la proposta del magazine e che parteciperanno all’iniziativa presentando in 100 location nuovi prodotti e nuove collezioni. INTERNI amplificherà i loro contenuti attraverso la sua piattaforma digitale web e social con il contributo del DOOH che manderà on air 20 clips da 30 secondi con il palinsesto della manifestazione su 8 schermi strategici per formato e posizione.

A sostegno di INTERNI Designer’s Week è prevista una campagna di comunicazione che prevede  pagine stampa su quotidiani e periodici,  e adv out of home nelle zone di Milano di maggior passaggio.

Main partner dell’iniziativa AUDI ed ENI.

Tutti i dibattiti saranno online su www.internimagazine.it/designjournal a partire dalle ore 20.00 del giorno stesso.